Che è un lassativo migliore: radice di liquirizia o radice di dente di leone?

La maggior parte delle persone conosce che cosa la stitichezza è perché quasi tutti lo sperimentano ad un certo punto. L’incapacità di eliminare i rifiuti solidi o l’esperienza di sforzo durante il bagno sono i segni distintivi della condizione sgradita. Le cause includono modifiche al programma regolare, al farmaco, a uno stile di vita sedentario o ad una dieta a bassa fibra. A volte la stipsi è la condizione secondaria di altri disturbi o cambiamenti, come la gravidanza, la sindrome dell’intestino irritabile o la tiroide underactive.

Tradizione radice del dente di leone

Le probabilità sono, se avete un piede quadrato di prato, avete denti di leone. L’erba persistente costituisce per le sue intrusioni paesaggistiche contribuendo nutrienti e composti medicinali a foraggeri di passaggio. Mentre le foglie possiedono proprietà diuretiche utili alla conservazione delle acque, le radici offrono benefici lievemente lassativi, oltre a contribuire alla salute gastrointestinale e digestiva. Infatti, la radice del dente di leone sembra incoraggiare la crescita di batteri benefici nel tratto digestivo.

Tradizione radice di liquirizia

Alcuni “tè lassativi” contengono la radice di liquirizia, mentre le capsule di radice di liquirizia possono tout il prodotto come un lassativo dolce. Tuttavia, esiste una piccola base scientifica, o addirittura la tradizione della medicina popolare, per l’uso di liquirizia per la stitichezza. Il suo uso primario tradizionale nella medicina cinese ha coinvolto il bilanciamento delle proprietà medicinali di altre erbe, osserva Langone Medical Center dell’Università di New York. Tutta la radice può essere utile per tosse e problemi respiratori, mentre una forma modificata conosciuta come liquirizia deglichrrizzata mostra promessa per il trattamento delle ulcere peptiche.

Linea di fondo

Poiché la radice di liquirizia è un disturbo, l’erba potrebbe ricoprire il tratto digestivo, a sua volta incoraggiare un’eliminazione più facile. Eppure, queste proprietà demolenti nella radice di liquirizia sono tradizionalmente associate all’indigestione lenitiva, piuttosto che specificamente fornire i benefici lassativi. Inoltre, molto più interazioni farmacologiche e effetti collaterali sono associati alla radice di liquirizia che esistono per la radice del dente di leone. D’altra parte, la radice del dente di leone è specificamente conosciuta come un lassativo lieve, secondo l’Università del Maryland Medical Center.

Usando la radice del dente di leone

I modi tradizionali di utilizzare la radice del dente di leone per la stitichezza o altre questioni di digestione includono la bollitura della radice secca per cinque o dieci minuti e sorseggiando il tè radice leggermente raffreddato fino a tre volte al giorno mentre il problema persiste. In alternativa, cercare capsule o tinture provenienti dalla radice del dente di leone nei negozi di alimenti per la salute e seguire le indicazioni sul dosaggio riportate sull’etichetta. Chieda al proprio medico prima di utilizzare la radice di dente di leone o qualsiasi altro rimedio domestico per la tua stitichezza.

Psyllium, che fornisce fibra per incoraggiare l’eliminazione, proviene dai semi di gelato dell’alta piantago ovata dell’erba. Glucomannan, un altro lassativo della fibra naturale, deriva dalle radici dell’impianto konjac. Altre erbe fibrose suggerite da UMMC per sollecitazioni di stitiche includono il lino, il fenugreek e l’orzo. Senna, una pianta lassativa a breve termine, non lavora con l’aggiunta di fibre, ma stimolando i muscoli della parete del colon. L’erba è considerata più dolce del suo cugino, aloe. L’aloe può causare crampi e dolori se utilizzati internamente.

Altri lassativi vegetali