Gli effetti collaterali del glicinato di magnesio

Il glicinato di magnesio è una forma del magnesio minerale legato alla glicina aminoacidica. La glicina aumenta la bio-disponibilità di magnesio aumentandone l’assorbimento nell’intestino tenue, aumentando l’assorbimento di magnesio nel flusso sanguigno. Il glicinato di magnesio è comunemente usato per correggere una carenza di magnesio, in particolare quando si può avere difficoltà ad assorbire adeguate quantità di magnesio a causa di malattie, o se manca di enzimi che agevolano naturalmente l’assorbimento e il trasporto del magnesio.

A causa della sua maggiore disponibilità biologica, il rischio di sovradosaggio di glicinato di magnesio può essere superiore a quello del magnesio trovato naturalmente negli alimenti. Secondo l’istituto Linus Pauling dell’Oregon State University, i sintomi di un sovradosaggio di magnesio sono diarrea, ipotensione, letargia, confusione, disturbi nel ritmo cardiaco normale e un deterioramento della funzione renale. Nei casi più gravi può verificarsi debolezza muscolare, difficoltà respiratorie e arresto cardiaco.

Sono state approvate rispettivamente piccole dosi di glicinato di magnesio, da circa 300 mg a 400 mg in donne e uomini, per l’impiego in prodotti nutrizionali da parte della Food and Drug Administration. Tuttavia, elevate quantità di glicinato di magnesio possono influenzare negativamente la vostra funzione del sistema immunitario compromettendo negativamente il normale funzionamento delle cellule immunitarie chiamate cellule T. Il sistema immunitario è responsabile della capacità del tuo corpo di combattere l’infezione e la malattia e di mantenere la salute e la funzionalità degli organi e delle cellule del tuo corpo. Compromettere il sistema immunitario con quantità eccessive di glicinato di magnesio può lasciarle più vulnerabili alla malattia.

Alcuni individui possono avere difficoltà ad assorbire sia il magnesio che la glicina, che portano a disturbi gastrointestinali, soprattutto se si prende il glicinato di magnesio su uno stomaco vuoto. I sintomi di disturbi gastrointestinali possono includere crampi allo stomaco, aumento della sudorazione, mal di testa, nausea, vomito e diarrea. Prendere piccole dosi di glicinato di magnesio con alimenti e quantità adeguate di acqua può contribuire a ridurre il rischio di sviluppare disturbi gastrointestinali come conseguenza della supplementazione di glicina di magnesio.

Il magnesio può interferire con l’assorbimento di alcuni farmaci cardiaci, antibiotici e farmaci antimalarici, che potrebbero ridurre la loro efficienza. Le droghe utilizzate per trattare l’osteoporosi, come i bisfosfonati, devono essere assunte almeno diverse ore a partire dal magnesio per assicurarsi che non interferiscano tra loro. Il magnesio non deve essere preso se si utilizza diuretici, in quanto possono verificarsi gravi complicazioni del sistema renale e renale. Consultare il proprio medico prima di prendere il glicinato di magnesio per assicurarsi che non possa interagire negativamente con qualsiasi medicinale che stai assumendo.

Tossicità

Funzione del sistema immunitario

Digestione

Interazioni farmacologiche